Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Il Comune di Campo Ligure ha ottenuto la Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Feed Rss

News

09/11/2017

Scrutatori di Seggio Elettorale

Albo delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale continua »

02/11/2017

Avviso pubblico incarico palazzetto ERRATA CORRIGE

 continua »


Prossimi eventi
Valida il codice di marcatura della pagina [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Valida i fogli di stile di questo sito [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Dichiarazione di conformità al Livello Doppia-A delle Linee Guida per l'Accessibilità dei Contenuti per il Web 1.0 [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra]

» Consulta Comunale

IL COMUNE > Consulta Comunale

«Mentre ciascuno sa benissimo di essere fallibile, pochi ritengono necessario cautelarsi dalla propria fallibilità» (J.-Stuart Mill, On Liberty, 1858)

 

Vai alla sezione ATTIVITA' della Consulta

LA CONSULTA COMUNALE

«Le istituzioni danno ai cittadini e alle associazioni rappresentative, attraverso gli opportuni canali, la possibilità di far conoscere e di scambiare pubblicamente le loro opinioni in tutti i settori di azione dell’Unione» (Art. 11.1 Trattato sull’Unione Europea 2010)

La Consulta Comunale è un organo di consultivo di carattere permanente, in carica 3 anni, autonomo e indipendente dall’amministrazione, con il compito di consigliare la stessa sui temi centrali della vita del paese e sugli interventi straordinari.
L’istituzione della Consulta risponde all’esigenza di promuovere la partecipazione attiva dei cittadini e di tutti coloro che vivono e operano nel nostro comune, coinvolgendoli nei processi decisionali e deliberativi, e con lo scopo di sviluppare la dinamica democratica.
È necessario cautelarsi contro la propria fallibilità; e la Consulta, fornendo all’Amministrazione il proprio parere, se pur non vincolante, rappresenta l’opportunità per rivedere le posizioni dell’esecutivo, o per renderle più comprensibili e condivisibili.
Il Regolamento che la istituisce e gli articoli che normano le modalità di selezione dei componenti sono orientati a fare sì che la Consulta realizzi un campione il più eterogeneo possibile di popolazione. In questo caso, il suo parere si avvicinerà fortemente a soddisfare l’interesse e il bene comune.
Nello stabilire i poteri e i doveri della Consulta, si è seguito un principio di auto-limitazione; per questo il suo parere sarà obbligatorio su temi centrali quali il bilancio preventivo, i tributi locali (titolo I del regolamento sul bilancio), il piano urbanistico comunale, e i regolamenti di competenza comunale.
Il Regolamento è stato approvato nella seduta del Consiglio Comunale del 30 Luglio 2014 e la Consulta è stata formalmente insediata con deliberazione del Consiglio Comunale n 40 del 02 Ottobre 2014.

Cos’è una consulta?
È un organo autonomo e indipendente dall’amministrazione che durerà in carica 3 anni, con il compito di consigliare sui temi centrali della vita del paese. 
 

Che poteri ha?
Potere consultivo. L’obbligo di pronunciarsi su proposte e provvedimenti che riguardano i tributi locali (titolo I del regolamento sul bilancio), il bilancio preventivo, il piano urbanistico comunale, i regolamenti di competenza comunale che interessano la partecipazione, la concessione della cittadinanza onoraria, che regolano il diritto d’accesso, che interessano la vita delle associazioni, delle attività culturali e quelle produttive (mercati periodici tematici, sale da gioco e i giochi leciti per esempio), che disciplinano l’erogazione di servizi (collettamento intercomunale e immissioni fognarie, servizi cimiteriali). Inoltre, il dovere di esprimersi su altri temi, su richiesta dell’amministrazione.

Cosa realizza?
Un gruppo di persone che, per modalità di selezione, rappresenta un campione il più eterogeneo possibile di popolazione ed esprime il punto di vista della comunità, facendo sì che le sue decisioni siano sempre rivolte al bene comune. (Vai alla sezione ATTIVITA')
 

Qual è il suo contributo?
Abbiamo ritenuto necessario cautelarci contro la nostra fallibilità. E la consulta, fornendoci il proprio parere, sebbene non vincolante, rappresenta l’opportunità per rivedere le nostre posizioni, o per renderle più comprensibili e condivisibili.
 

Come si può partecipare?
Tutti gli interessati, residenti o domiciliati nel Comune, che hanno compiuto 18 potranno presentare domanda di partecipazione compilando l’apposito modulo secondo le disposizioni indicate da un Bando Pubblico. Successivamente, verranno pubblicamente estratti a sorte 13 candidati che andranno a comporre la Consulta. Essi eleggeranno al loro interno un presidente e un vicepresidente e nomineranno un segretario, avendo piena libertà e autonomia su come organizzare i lavori.


Come si svolgerà la procedura di selezione?
Tramite Bando pubblico, favorendone la massima diffusione, in modo da offrire pari opportunità di partecipazione a tutti, nel rispetto dei principi di pubblicità e di trasparenza.
 


 

ATTIVITA'

 2017