Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Il Comune di Campo Ligure ha ottenuto la Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Feed Rss

News

18/01/2017

Viabilià ripristinata su via Gramsci

I lavori previsti su P.zza S.Sebastiano sono stati terminati con un giorno di anticipo. E' stato possibile ripristinare la corretta viabilità su via Gramsci a partire dalle 12.00 dal giorno 18/1.

14/01/2017

Interruzione Temporanea Trasporto Scolastico 16/1

Lunedi 16/1 il servizio effettuerà il solo giro del mattino Martedì 17/1 il servizio non sarà effettuato a causa manutenzione straordinaria del mezzo.


Prossimi eventi
Valida il codice di marcatura della pagina [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Valida i fogli di stile di questo sito [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Dichiarazione di conformità al Livello Doppia-A delle Linee Guida per l'Accessibilità dei Contenuti per il Web 1.0 [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra]

» LA FILIGRANA

LA FILIGRANA

english

Cenni Storici

Nell’arte dell’oreficeria la filigrana indica leggeri e finissimi lavori che imitano l’arabesco, composti con sottilissimi fili d’oro o d’argento, che presentano un’infinità di oggetti sotto diverse forme. La storia influì sulla diffusione e l’evoluzione tecnica della filigrana da principio nell’area mediterranea ed in oriente fino a divenire patrimonio del continente asiatico, europeo, africano e dell’America latina, con caratteristiche proprie delle varie scuole. In Italia è già presente nell’oreficeria etrusca con stupende opere in granuli. Nell’oreficeria romana imperiale troviamo i primi gioielli ottenuti esclusivamente in filigrana a giorno, con l’esclusione della lamina di base. Le civiltà barbariche ed il gusto bizantino produssero nuovi capolavori, intorno al 1200, con il ritorno dei crociati la filigrana approdò in Genova ed in Venezia (opus veneticum). Fu in Liguria che migliaia di famiglie si impegnarono nella produzione di filigrana tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, ed i Genovesi erano celeberrimi in questo ramo dell’artigianato. Altri centri di lavorazione della filigrana in Italia furono Torino, la Val Sesia, Firenze, Cortina d’Ampezzo, Pescocostanzo, Scanno, Roma, Napoli, la Sardegna.


La Filigrana di Campo Ligure

Nel 1884, un maestro, Antonio Oliveri, aprì in proprio una bottega per la lavorazione della filigrana nella natia Campo Ligure. Il suo esempio fu seguito da altri artigiani e ben presto i laboratori raggiunsero la consistenza di ben 33. Da tempo ormai in Italia solo gli artigiani di Campo Ligure possono degnamente qualificarsi come gli unici eredi di coloro che in tempi lontani avevano variamente contribuito a migliorare ed evolvere quest’arte che si è fermata in Liguria. Ancora oggi, così, nel suo laboratorio, un artigiano con “bruscelle” (pinze di varie misure), un cannello per saldare i fili d’argento, sulla sua piastrella, reinventa e crea i suoi ricami in argento: i gioielli in filigrana. La preziosità di questi oggetti non è data tanto dai materiali quanto dalla minuziosa e paziente lavorazione che si nasconde in ognuno di essi. Nulla o quasi è mutato nei laboratori di questi artigiani: qui arte e tecnica si legano indissolubilmente all’abilità di un vero e proprio artista. Mentre gli altri corrono inseguendo i ritmi di una società frenetica ed impetuosa, il filigranista ha fermato il tempo, e continua a ripetere gesti di un passato lontano, dando nuove vesti ad un’arte antica.