Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Il Comune di Campo Ligure ha ottenuto la Certificazione sistema di gestione ambientale ISO 14001:2004
Feed Rss

News

09/11/2017

Scrutatori di Seggio Elettorale

Albo delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale continua »

02/11/2017

Avviso pubblico incarico palazzetto ERRATA CORRIGE

 continua »


Prossimi eventi
Valida il codice di marcatura della pagina [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Valida i fogli di stile di questo sito [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra] Dichiarazione di conformità al Livello Doppia-A delle Linee Guida per l'Accessibilità dei Contenuti per il Web 1.0 [attenzione: la pagina si aprirà in una nuova finestra]

» Unione Comuni SOL

IL COMUNE > Unione Comuni SOL

Il Comune di Campo Ligure fa parte dell'UNIONE DI COMUNI STURA ORBA E LEIRA.

Di seguito l'elenco completo dei comuni facenti parte dell'Unione:

L'unione di Comuni SOL ha sede presso l'edificio 'ex Comunità Montana' in Via Convento 8, in Campo Ligure.

 

Unione di Comuni STURA ORBA e LEIRA (SOL)

L'Unione Comunale è un ente territoriale di secondo grado regolata dal decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, che recepisce la legge 3 agosto 1999 n. 265, in particolare dall'articolo 32 dal titolo Unione di comuni.

I cinque commi dell'articolo 32 definiscono le Unioni di Comuni in maniera sintetica e precisa, dando la massima flessibilità all'interno di poche regole precise.

Nel primo comma si definisce l'Unione come costituita da due o più Comuni che devono essere contigui con un obiettivo chiaro: esercitare congiuntamente una pluralità di funzioni di loro competenza. Ciò significa che i singoli Comuni si uniscono e delegano alle Unioni dei compiti precisi.

L'Unione deve avere un atto costitutivo e uno statuto. Lo statuto deve avere alcune caratteristiche:

  • deve essere approvato dai singoli consigli comunali con procedure e maggioranze previste per le modifiche statutarie;
  • deve definire gli organi e le modalità per la loro costituzione;
  • definisce le funzioni svolte dall'unione e le risorse di finanziamento;
  • Il presidente deve essere scelto fra i sindaci eletti;
  • gli altri organi previsti devono essere composti da consiglieri o membri delle giunte con la presenza delle minoranze;

L'Unione decide al suo interno i regolamenti per la propria organizzazione ed i rapporti con i singoli Comuni. Il decreto conclude disponendo che le Unioni seguono le regole ed i principi previsti per i Comuni, evidenziando che i componenti degli organi non possono eccedere le disposizioni relative ai Comuni con la popolazione complessiva delle amministrazioni locali associate.

Ultimo, ma fondante dei poteri delle Unioni, è la destinazione di tutti gli introiti che derivano da tasse, tariffe e contributi dovuti per i servizi delegati dai Comuni.

Per statuto l'unione si occupa dei seguenti servizi:

  • Polizia locale;
  • Raccolta e smaltimento R.S.U.;
  • Gestione canili;
  • Funzioni in materia di vincolo idrogeologico, ai sensi della Legge Regionale n°4/1999 e ss.mm.ii.;
  • Sportello unico delle attività produttive (SUAP);
  • Servizio di Informalavoro.

La realizzazione delle Unioni Comunali permette di creare delle economie di scala nel dimensionare i servizi e crea le condizioni per la sopravvivenza dei piccoli Comuni che, pur mantenendo la loro identità, possono accorpare servizi al fine di ridurre i costi pro-capite e ridurre pro-quota le spese fisse di gestione di alcuni servizi.

I componenti del Consiglio sono 15, così suddivi: 10 rappresentano le maggioranze comunali (due per ogni Comune, il Sindaco più un consigliere comunale), mentre 5 (un consigliere per ogni Comune) sono i rappresentanti delle minoranze.

Presidente dell’Unione è attualmente (2015) Katia Piaccardo (Sindaco di Rossiglione).

La Giunta è composta dai Sindaci dei cinque Comuni (Presidente e quattro Assessori).

L'Unione di Comuni Stura Orba e Leira, (dai nomi dei principali torrenti che ne attraversano tutto il territorio), è la prima creata in Liguria (13.000 abitanti per una superficie totale di 142 Km quadrati), ha l'obiettivo di semplificare il quadro istituzionale, accorpare servizi, ottimizzare le spese a parità di risorse, e dare inoltre la possibilità di accedere ai finanziamenti nazionali a sostegno del federalismo

Riferimenti